NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

BlogScintille di Esperienza

Cascata

E tu, sei pronto a creare uno scandalo?

  • <>
    <> <>

Quelli che noi chiamiamo scandali altro non sono che tentativi di spezzare le catene dei condizionamenti.

E, se sono fatti bene, questi scandali aiutano l’umanità a progredire, a liberarsi di zavorra inutile e dannosa. Gesù stesso ha fatto “scandalo” tra la sua gente. Predicava l’uguaglianza degli esseri umani, diceva che i peccatori potevano entrare nel Regno dei Cieli, scacciava i mercanti dal tempio. Mio Dio! Che rivoluzione! Io ho preso l’esempio più eclatante per la cultura occidentale, ma potrei continuare con mille altri esempi. Copernico, con la sua teoria eliocentrica, ci liberò scardinando dalle radici niente meno che il sistema su cui si erano fondati secoli e secoli di filosofia geocentrica. Ancora Martin Luther King fece scandalo con le sue teorie sull’uguaglianza degli esseri umani che tanto disturbavano la società di allora, abituata da secoli a credere che ci fosse una sorta di scaletta razziale a cui tutti dovevano attenersi. In altri termini condizionata a pensare così.

Queste celebrità hanno scardinato dalle radici i vari condizionamenti di cui l’umanità “soffriva” e molti di loro, se non tutti, hanno pagato con la vita o con l’isolamento i loro “scandali” ma a loro non importava. Liberare l’Essere Umano dai suoi stessi limiti, questo era il loro imperativo. Ora come dicevo più sopra, non ti viene chiesto di diventare il portavoce di un gruppo, di fare scandalo, di andare contro l’ordine costituito. Però puoi nel tuo piccolo scardinare un condizionamento che sta limitando la tua vita in questo momento. Puoi creare un salto di paradigma che ti permetta di dubitare che le cose che stai facendo o che hai sempre fatto in un certo modo debbano per forza continuare così. Puoi creare uno scandalo interiore, tutto tuo, che ti permetterà di essere più felice, di godere di più della vita, di avere più successo in ogni ambito, soprattutto in quello intimo con te stesso, insomma di accettare tutto il bene che la vita ti ha sempre dato e che tu non hai mai voluto vedere del tutto. Si potrebbe studiare il fenomeno e individuare le variabili che concorrono a spezzare un condizionamento.

I passi sostanzialmente sono questi: 1) Si crea un pensiero diverso da tutti gli altri fino ad ora fatti 2) Si verbalizza il pensiero e magari lo si concretizza anche con comportamenti 3) Si crea uno scandalo 4) Lo scandalo, se è forte abbastanza, oltrepassa le barriere dello spazio e del tempo 5) Lo scandalo entra nella nostra vita quotidiana sotto forma di protesta contro qualcosa 6) La protesta diventa “normale” e acquisisce il ruolo di realtà accettata ma non approvata 7) La realtà accettata diventa ovvia e comune 8) Lo scandalo iniziale si da per scontato e diventa abitudine 9) Lo scandalo diventa un privilegio. L’umanità ha abbattuto un altro condizionamento.

E’ quello che accade anche dentro di noi quando vogliamo cambiare qualcosa (in meglio!) per noi. Le cattive abitudini che abbiamo appreso da piccoli saranno molto restie a lasciarci fare qualcosa di diverso. L’ego è spaventato dal cambiamento, non accetta che qualcosa possa cambiare. Ha paura che qualcosa cambi e vive perennemente in questa paura.

Ma la vita è cambiamento! Tutto ciò che non cambia, è morto. Ciò che vive, per forza di cose, cambia. Tu stesso cambi ogni giorno. Il tuo aspetto cambia, le tue relazioni cambiano, i tuoi paradigmi cambiano. Si tratta solo di accettare che sia così o fare resistenza. Sembra assurdo ma la maggior parte di noi opta per questa seconda opzione. Fa resistenza a tutto ciò che va oltre l’ordine apparente. Se è sempre stato così deve essere ancora così. Questo è ciò che pensiamo, ma questo è anche ciò che ci rovina. Vogliamo cambiare, questo sì, ma vogliamo che cambino gli altri, non noi. Vogliamo che nostro marito cambi, che i nostri figli cambino, che la politica cambi, che il sistema cambi ma non ci rendiamo conto che dobbiamo prima cambiare noi, allora ciò che vediamo della realtà cambierà con noi.

Per oggi quindi fai un piccolo passo verso un grande cambiamento: rifiutati di essere la stessa persona di ieri e dimostralo! Inizia con piccole cose, così che il cambiamento sia sostenibile. In questo modo potrai continuare a piccoli passi fino a diventare la persona che hai sempre desiderato di essere ma che non hai mai avuto il coraggio di accettare. Compra un prodotto nuovo al supermercato, saluta una collega che non avevi mai salutato prima, fermati a parlare con persone che la pensano in modo radicalmente diverso da te, cambia strada per andare al lavoro, guarda negli occhi te stesso più e più volte. Ci sono mille modi per dire alla parte più profonda di te che sei pronto per cominciare. Ti accorgerai che se li metti in pratica il tuo ambiente e le persone che ne fanno parte cambieranno insieme a te... in meglio!